17 January 2019

Altuzarra festeggia 10 anni con una collezione speciale

Altuzarra

In 10 anni ha saputo imporsi nel difficile universo della moda. Ora festeggia con orgoglio un compleanno importante. Altuzarra è il nome di uno stilista e del suo marchio dallo stile glamour e cosmopolita, celebrato dai professionisti del fashion, come Anna Wintour, e amatissimo dalle star, come Emily Ratajkowski. Cresciuto fra New York e Parigi, lo stilista Joseph Altuzarra ha fatto della sua identità franco-americana la propria firma di stile. La donna che propone è un po’ la parigina della Rive Gauche un po’ la newyorkese del Lower East Side, ovvero una donna femminile e sicura di sé, romantica ma non tradizionale, fashion ma non ingessata. Prima di creare il proprio marchio, Altuzarra ha lavorato per  Givenchy, Alexander Wang e Proenza Schouler: una palestra importante per un giovanissimo alle prime armi che è riuscito, in breve tempo, a maturare il suo riconoscibilissimo stile. Per festeggiare i primi 10 anni del suo marchio, Altuzarra ha riunito 10 delle sue più care amiche che, con la loro forte personalità, hanno contribuito a influenzarne lo stile: Indya Moore, l’attrice Evan Rachel Wood, la stilista J.Crew Jenna Lyons, Cindi Leive, e, ancora, Melanie Huynh, Sarah RutsonShu Pei Qin, Vanessa Traina. Con la loro collaborazione, ha creato la capsule collection The One That Got Away, Quello Che Ci Sfugge, selezionando tutti i capi più amati dalle sue muse e amiche di questi primi 10 anni. Guardare negli archivi sembra essere la nuova moda. Sono tantissimi gli stilisti che si girano indietro per riscoprire vecchie collezioni, capi disegnati e mai effettivamente lanciati sul mercato. Dal massimalismo al minimalismo, la collezione per i 10 anni di Altuzarra ripropone il meglio delle tendenze viste in questi ultimi anni, dallo sportchic allo chic puro, dal mood grunge allo stile destrutturato, tutte reinterpretate da Altuzarra con piglio deciso e sensuale forza.


Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su