21 January 2019

Sneaker 2019: Converse Run Star Hike e Lacoste Piquée

Nell’universo sneaker tira sempre aria di novità. Ad arrivare in questi giorni sugli scaffali dei negozi e in rete sono due paia di sneaker destinate a far strage di cuori fra le fashion victims: si tratta delle Run Star Hike di Converse e delle Piquée di Lacoste. Due scarpe molto diverse fra loro. La prima ha un look sperimentale ed avanguardista, per questo è perfetta per chi, per strada, ama farsi notare per originalità. Le Run Star Hike, più che un semplice paio di scarpe, sono una dichiarazione a voce spiegata che dice più o meno questo: guardami perché sono un creativo! Il secondo paio di sneaker, firmato questa volta da Lacoste, ha invece linee sobrie e senza tempo, pensate per sposarsi con ogni tipo di look e di situazione. Le Run Star Hike sono il frutto della nuova collaborazione di Converse con JW Anderson, marchio appartenente all’omonimo stilista nord-irlandese, il cui carattere innovativo ha sedotto i più grandi marchi, come Versace e Uniqlo, che se lo contendono per collaborazioni e capsule collection varie. Grazie a JW Anderson, è nato un paio di scarpe ibrido, che riprende l’iconica tomaia in tessuto delle Chuck Taylor e la combina con un nuovo tipo di suola in gomma, la Run Star, una suola alta con base a carro armato in beige e blu squillante. Sempre con tomaia in tessuto ma di tutt’altro genere, le Piquée di Lacoste sono un omaggio al piqué di cui sono fatte le polo. Andatura naturale, piede pieno di grazia, passo leggero, le Piquée trasformano la spensieratezza di una giornata di primavera in calzatura. La loro tomaia senza cuciture e con preziosi inserti in cuoio è una rivisitazione del famoso tessuto sportivo inventato da Lacoste nel 1933 e che, per l’occasione, diventa supertecnico.

Lacoste

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su