12 June 2019

Cara Delevigne stilista di borse per Balmain

 

Il primo amore non si scorda mai. Dopo aver lasciato la moda per il cinema, la modella inglese Cara Delevigne deve aver avuto un po’ di nostalgia. Una malinconica saudade deve averle stretto il cuore, riportandola sui suoi passi. Quest’estate, la ex reginetta delle passerelle dal proverbiale broncio ha disegnato per Balmain una collezione di borse dallo stile maledettamente rock, esattamente come piace a lei. Ispirate all’ultima collezione della maison parigina, che è quella autunno inverno 2019/2020, le tre borse riprendono i loro accenti rock dai look in nero e bianco, dai capi in vinile, dai pezzi in cuoio e dal fiorire di borchie visto in passerella. Tre sono i modelli di borsa disegnati da Cara Delevigne: il primo, la BBag, è stato lanciato questo 29 maggio, per gli altri due, la borsa Twist e la borsa Romeo, dovremo aspettare ancora un po’. Li troveremo in rete e nelle boutique del brand solo a partire da metà luglio. Interprete delle tre borse è la stessa Cara Delevigne, in uno spot dalle atmosfere dark che sta già facendo impazzire il web. Dopo aver posato nuda, e sempre imbronciata, nell’ultima campagna pubblicitaria targata Balmain, ora la modella interpreta un personaggio misterioso, ruolo che, dato lo sguardo duro, le si addice particolarmente bene. Come in un thriller, la modella inglese, nei panni di una spia internazionale, si muove in ambienti torbidi e poco rassicuranti. Inseguita e inseguitrice, Cara Delevigne mette a profitto della moda tutto quello che ha recentemente appreso facendo cinema. Olivier Rousteing, direttore creativo di Balmain, la descrive come un personaggio capace di creare grande suspense, grazie al suo fare provocatorio e conturbante che, per attimi, riesce ad essere anche dolce e romantico. Angelo o demone? A voi l’ardua sentenza.

Balmain1

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su