8 October 2018

Lacoste collezione Unisex pe 2019

Lacoste7

Nuovo corso per il marchio di moda sportiva del mitico coccodrillo Lacoste. Per la primavera estate 2019, la maison di moda francese ha scelto di abbracciare la tendenza unisex, puntando tutto e solo sullo stile più che sulle differenze di genere. E che stile! La collezione, da poco presentata al grande pubblico, si annuncia come una delle più desiderabili della prossima stagione calda, grazie ai suoi grandi classici mixati con pezzi dal mood street wear. Ma andiamo con ordine, partendo dalle forme e poi continuando con i colori. Nella nuova collezione non potevano mancare le iconiche polo del brand, che troveremo in versione squisitamente XXL. Oltre che con pantaloncini con piega frontale dal taglio rigoroso e bon ton, le polo sono presentate anche in abbinamento con pantaloni fluidi, come quelli delle tute degli anni Novanta, o con ampi shorts sportivi perfetti per giocare a calcio oppure a basket. Sia che si voglia adottare uno stile classico e senza tempo, sia che si preferisca uno stile più marcatamente urban, la nuova collezione firmata Lacoste non lascia certo delusi, giocando sull’incontro fra la sua riconoscibile identità storica con le tendenze più in voga del momento. E per quanto riguarda fantasie e colori, il marchio gioca con il mitico logo del coccodrillo che viene ripetuto infinite volte su magliette oversize, oppure ancora gioca su tinte color block a contrasto e su fantasie vegetali. Per gli amanti dei colori-non colori, ci sono le polo in beige, verde pino e blu, oppure i completi maschili dal taglio androgino in bianco purissimo oppure in grigio chiaro.


Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su