4 December 2018

Valentino: borse manga TKY

Valentino1

Gli appassionati di manga hanno di che gioire. Lo scorso 27 novembre la maison di moda Valentino, sotto la guida della fervida immaginazione creativa del designer Pierpaolo Piccioli, ha presentato una linea di vestiti e di accessori dedicati al Paese del Sol Levante, alla sua cultura e ai tanti miti che lo accompagnano. Fra gli oggetti culto della collezione, presentata in esclusiva nella boutique Valentino di Tokyo, non potevano mancare le borse Manga, intitolate TKY. Per ora dovremo limitarci a sognarle, al massimo ad aggiungerle alla lista dei desideri fashion, visto che le borse in questione saranno disponibili alla vendita soltanto dal prossimo Aprile 2019. Nell’attesa, noi di Drezzy, abbiamo già l’acquolina alla bocca. E voi? L’universo manga disegnato da Valentino è pieno di animaletti simpatici tutti allegramente stilizzati, la farfalla per le più romantiche, la pantera nera per quelle più sicure di loro e del proprio fascino, il dragone e la tigre per coloro che cercano un animale che faccia subito oriente, il serpente per le più pungenti… la scelta è veramente ampia. Ogni modello si sposa con un diverso tipo di carattere, perché la borsa possa esprimere immediatamente la nostra personalità. In ogni borsa, tutta la sapienza sartoriale italiana si fonde alla perfezione con i simboli più forti del Giappone, dando come risultato qualcosa di giocoso e insieme di grande tendenza, ideale per sdrammatizzare ogni tipo di look con una buona dose di ironia. Le borse sono in morbido design matelassé e sono punteggiate dalle piccole borchie dorate con base rettangolare ormai divenute tipiche della maison Valentino. Oltre alle borse, la capsule collection TKY si compone di abiti e accessori, ognuno realizzato in collaborazione dalla casa di moda romana con gli artisti locali per esplorare una particolare sfaccettatura della cultura giapponese.

Valentino 1

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su