28 May 2019

Eastpak x Dickies: gli accessori workwear

Eastpack1

Una gran voglia di praticità e di funzionalismo is in the air. Più la bella stagione avanza e più sentiamo il bisogno di muoverci in tutta semplicità. In programma, c’è la scelta di tessuti comodi, di capi facili da portare e di accessori per tutte le occasioni, soprattutto quando l’occasione è quella di partire in vacanza, magari zaino in spalla. La collezione Eastpack x Dickies è quella che più risuona col nostro desiderio di libertà. Nata dalla collaborazione fra due dei marchi statunitensi più amati nel vecchio continente, la collezione si compone di soli tre accessori: uno zaino, il marsupio oversize Bundel e la borsa da palestra Stand+. Il target della collezione sono i giovani dinamici, quelli che passano incessantemente da un’attività all’altra ma che sanno anche prendersi il tempo per sé stessi. Un tempo fatto di momenti autentici così come autentico è lo stile firmato Eastpack e quello di Dickies. Entrambi i brand sono sinonimo di American workwear ed entrambi condividono la stessa filosofia: creare capi di buona qualità che possano durare nel tempo, senza risentire né delle mode né dell’uso. Grazie a queste premesse, lo stile dei due brand è arrivato a conquistare una larga fetta di pubblico, dai lavoratori, che hanno bisogno di capi iperfunzionali, agli studenti, che cercano qualcosa di pratico e insieme cool, fino agli sportivi, che vogliono accessori con cui andare a fare fitness, passando per i viaggiatori, che hanno bisogno di grande leggerezza per andare alla scoperta di nuovi orizzonti. Disponibili nei colori kaki, nero oppure terra di Siena, gli accessori della collezione sono rigorosamente unisex, come vuole la tendenza streetwear del momento. Di Eastpack hanno il design e di Dickies il logo giallo e rosso. Disponibili in rete a partire dal 3 giugno!

Eastpak

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su