26 February 2019

Zero Feel Signature: il nuovo intimo firmato Sloggi

Sloggi1

S come sublime, S come straordinariamente morbido, S come senza fastidi. Il nuovo intimo per la primavera estate 2019 firmato Sloggi è all’insegna del confort più totale.  Il marchio internazionale di lingerie ha appena lanciato per lei la linea Zero Feel Signature, dove Zero sta per zero cuciture, zero compressione e zero etichette. Niente più rischio di pruriti insomma ma una sensazione di pieno benessere con cui poter vivere la giornata a tutto sprint. La linea Zero Feel Signature nasce dalla fusione della linea Zero Feel, realizzata in tessuto giapponese (un’esclusiva per Sloggi), con una nuova tecnologia di saldatura dei tessuti che permette di ottenere capi intimi particolarmente leggeri e comodi. Grazie al suo spessore praticamente nullo, l’intimo Zero Feel Signature non rischia di trasparire dai vestiti, per una silhouette impeccabile e per un effetto seconda pelle di quelli mai provati. Body, reggiseni, culotte: la nuova linea di intimo Sloggi si declina in tanti capi diversi, tutti con morbide parti coprenti alternate a sensuali parti in tessuto trasparente. Per quanto riguarda i colori, la scelta è vasta. Si può puntare per tinte shocking, come il fucsia, oppure per i classici nero, grigio ghiaccio, bianco e color carne, con cui andare sempre sul sicuro. Le novità in casa Sloggi non riguardano solo lei. Per lui, è nata la collezione Sublime for Men, anch’essa rigorosamente senza cuciture. I tessuti della collezione per lui, che comprende anche le t-shirt, sono prodotti in Austria e regalano al tatto una dolcezza sorprendente. Oltre al confort, Sloggi ha pensato anche alla durevolezza. I capi sono fatti per resistere al lungo al tempo e ai lavaggi, perché ogni volta che li si indossi la sensazione sia piacevole come quella provata il primo giorno. Confort, bellezza e resistenza sono serviti!

Sloggi Sloggi2

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su