27 June 2019

CNNCT: la capsule collection firmata Eastpak per nomadi digitali

Eastpak

Valige e zaini capaci di resistere a tutto. Così Eastpak vuole conquistare i giovani in partenza per il mare o per la montagna. A qualche giorno dalla fine degli esami universitari e dell’inizio delle (meritate) vacanze, il marchio statunitense lancia la capsule collection CNNCT, che comprende lo zaino Tecum e la valigia Tranverz, entrambi declinati in tre taglie: S, M e L. La collezione si ispira ai nativi digitali, quelli che nemmeno in vacanza si staccano dal tablet e dal pc. Lo zaino Tecum dispone infatti di una speciale tasca con morbida imbottitura, pensata per accogliere i dispositivi tecnologici. Anche in capo al mondo si potrà restare sempre connessi, magari per mettere a giorno il proprio blog di viaggio o per portare con sé, virtualmente, tutta la famiglia e gli amici. Lungo una spiaggia deserta, spersa in qualche isola del Pacifico, o fra montagne che svettano al di sopra delle nuvole, l’universo digitale sarà sempre accessibile. Oltre che ai nativi digitali, la collezione CNNCT si ispira anche ai nuovi nomadi, quelli che, almeno per il tempo di un’estate, amano vagabondare in giro per il mondo, zaino in spalla, senza mete predefinire, per poter andare esattamente lì dove li porta l’avventura. A loro è dedicata la valigia Tranverz, completa di due compartimenti interni, di una molteplicità di utili tasche per poter sistemare gli accessori e di un sacco per biancheria. Tranverz è una compagna di viaggio su ruote organizzatissima! Ed è anche indistruttibile. I rinforzi di protezione della valigia sono in hypalon, materiale, dicono, fra i più resistenti al mondo, capace di tenere duro perfino nelle situazioni più difficili. Anche lo zaino è un vero duro, ma col cuore tenero, grazie alla morbida e resistente struttura in nylon con rinforzi in neoprene.

Eastpak1

Irene Sartoretti
Sono nata nel 1982 a Perugia. Da sociologa, mi occupo di culture contemporanee. Ma siccome sono anche architetta, non potevo certo dimenticare l’estetica. Forse perché sono italiana di nascita e francese di adozione, mi trovo particolarmente a mio agio a parlare e scrivere di moda. Oltre a scrivere per il blog di Drezzy e altre riviste, mi occupo di marketing e insegno alla Scuola di Architettura di Strasburgo. L’anno scorso è uscito per la casa editrice Mimesis il mio primo libro: "Intimi Universi. Un viaggio attraverso spazi, arredi e vissuti domestici".
Su